Le condizioni che portarono alla nascita degli Amici della Natura

L’impulso
Più la natura è circondata dal mistero che la sua originalità primitiva gli dà, più l’uomo sente l’impulso di trovare la sua strada lì, al fine di liberarsi da tutti i vincoli sociali che lo ostacolano. È questo desiderio, sempre rinnovato, mai soddisfatto, che è la fonte del turismo. Conduce grandi e piccini dalle valli pacifiche alle cime schiaffeggiate dalla tempesta, attraversando i corsi dei torrenti impetuosi, sotto il candore abbagliante delle nevi eterne. Questi molteplici aspetti della natura offrono alla mente un pozzo inesauribile di argomenti di meditazione, mentre allo stesso tempo la incitano a interessarsi ai mille dettagli che la circondano e quindi ad accedere alle verità eterne. Pregiudizi e idee errate svaniscono, i poteri dispotici si riducono a nulla, lo spirito viene liberato e canta la sua gioia di vivere. Altre volte, è in silenzio che si abbandona all’emozione che lo abbraccia.
Questi sono, naturalmente, i sentimenti che hanno animato i promotori del movimento Amici della Natura . Allo stesso tempo, sono diventati consapevoli dei molti e dolorosi vincoli che pesavano sulla classe sociale a cui appartenevano. Pertanto, sin dal suo inizio, l’Unione turistica degli Amici della Natura può essere sovrapposta con la lotta per la liberazione politica, economica e sociale condotta dalla classe lavoratrice. Nella natura che eleva e libera la mente, le lotte materiali dei lavoratori nel sindacato e nel campo politico per il miglioramento delle condizioni di vita sono state nobilitate. In questo modo, gli Amici della Natura furono fin dall’inizio un terreno fertile, dove doveva crescere un idealismo sincero e alto che, insieme al socialismo democratico e al movimento sindacale, avrebbe guidato la classe operaia, passo dopo passo, verso attuale libertà politica.

 

Condizioni di vita dei lavoratori viennesi intorno al 1895
Quando nacquero gli Amici della Natura a Vienna, il movimento operaio era ancora agli inizi. I lavoratori non godevano ancora del sostegno e della protezione che i sindacati offrono oggi. Il movimento operaio, in quanto movimento politico, aveva ancora un’influenza e un’importanza minima nello stato di polizia che era la monarchia austro-ungarica. I datori di lavoro hanno saputo sfruttare per il proprio profitto la disoccupazione e, di fatto, la mancanza di solidarietà tra i lavoratori. Il lavoro a basso salario era uno degli aspetti quotidiani di una lotta che gettava gli stessi lavoratori l’uno contro l’altro. La giornata lavorativa era formata da quattordici/sedici ore di lavoro. Il sabato veniva speso in fabbrica e, a volte, i lavoratori continuavano a lavorare la notte da sabato a domenica, molte volte fino alla domenica mattina. Il lavoratore usava il suo alloggio solo per cucinare, mangiare, dormire e procreare. Questo alloggio, raramente più grande della cucina e della camera da letto, era situato generalmente in un condominio a tre piani o in edifici che avevano un solo bagno e lavandino ogni dieci famiglie, se non di più. L’igiene personale era scarsa poiché l’unica possibilità in questa direzione consisteva in un contenitore per l’acqua posto su una scala a pioli, spesso per famiglie di oltre cinque persone. I bagni popolari apparvero a Vienna e nei suoi immediati sobborghi sotto la pressione dei primi consiglieri socialisti. La vita del lavoratore potrebbe quindi essere riassunta in questo circolo vizioso: lavorare, mangiare, dormire, senza conoscere la compensazione per il tempo libero culturale. Il sabato, dopo aver preso la paga o con quello che ne rimaneva, in genere si andava a mangiare qualcosa e si pagava le quote associative alla corporazione “approfittandone” per giocare a carte e bere alcolici.
I tipografi erano l’avanguardia della classe operaia. Non solo le loro condizioni di lavoro erano migliori di quelle degli altri lavoratori, ma erano anche istruiti e conoscevano i rimedi che potevano cambiare positivamente la vita dei lavoratori. Questo è il motivo per cui troviamo un buon numero di tipografi sia tra i pionieri del Partito socialdemocratico che tra i promotori degli Amici della Natura.

Socialisti e sindacato
Il Partito socialdemocratico, guidato dal Dr. Viktor Adler, era agli inizi e aveva appena unito le varie tendenze dogmatiche in un programma di partito, il cui scopo era quello di guidare il movimento dei lavoratori attraverso la politica sociale e democratica verso la libertà. La prima intenzione di Viktor Adler era di salvare il lavoratore dall’oscurità spirituale e dal richiamo dell’alcool. La creazione di collettivi di istruzione dei lavoratori divenne imperiosa e, a poco a poco, si svilupparono favorevolmente. Il loro duplice obiettivo era: l’educazione e la lotta contro l’alcolismo. Il problema dell’uso del tempo libero è stato risolto dalla creazione di associazioni dei lavoratori di ciclismo, ginnastica e canto. L’azione sindacale di solidarietà, consapevole della sua forza e del suo ruolo, come la intendiamo oggi, era allora inesistente. Le comunità professionali e altre associazioni simili la cui attività era limitata alle azioni solitarie erano solo le vestigia della vecchia organizzazione associazione. Non avevamo ancora realizzato né la crescente presenza in Austria del proletariato, né il fatto che il lavoro sia una merce come le altre, remunerata secondo la legge della domanda e dell’offerta. Fu solo nel 1895 che la pubblicazione del “Giornale del Lavoratore” divenne quotidiana. Tutti gli sforzi all’interno del Partito erano concentrati sulla lotta politica che tendeva a favorire l’influenza socialista nella vita del paese. Questo è il motivo per cui Viktor Adler era estremamente reticente quando si trattò di creare il movimento Amici della Natura . Temeva, infatti, di vedere le forze di lavoro deviate dal loro vero obiettivo. L’aneddoto che riportiamo fotografa bene la situazione: quando è apparso sul “Giornale del Lavoratore” la prima convocazione ufficiale per la creazione a Vienna di un gruppo turistico e che l’insegnante Schmiedl, istigatore del movimento, è andato a cercare tra le risposte arrivate, Viktor Adler lo salutò con queste parole: “Il folle, quindi, eravate voi…non ne dubitavo. ” Tuttavia, non dovette aspettare a lungo in questa posizione, poiché poco dopo lui stesso diventò membro delle giovane associazione turistica viennese “Gli Amici della Natura ”.

Estratti dalle “cause storiche” di Happisch
La fenice degli Amici della Natura , il nostro compagno Happisch, introduce con le seguenti frasi le sue riflessioni sulle “cause storiche” della creazione del gruppo turistico viennese “Gli Amici della Natura “: “All’epoca della creazione degli Amici della Natura , il mondo del lavoro aveva appena lasciato un’era di insensibilità e inerzia e si trovò in un’effervescenza illuminata dalla speranza. La disunione e la spensieratezza che fino a quel momento avevano presieduto alle esplosioni di disperazione dei lavoratori lasciarono il posto alla lotta sindacale organizzata e al combattimento ponderato. È interessante notare un’apparizione considerevole nella guerra economica. In effetti, la partecipazione alla lotta non era più solo il risultato delle richieste salariali, ma in modo sempre più pressante, la richiesta di abbreviare l’orario di lavoro e persino, qua e là, di un congedo retribuito. Questo fatto ha testimoniato le crescenti esigenze culturali del proletariato. La nostra associazione ha risposto a tali esigenze. Questa schiacciante necessità, questa volontà irremovibile sono stati potenti impulsi nella lotta guidata dalla classe lavoratrice. L’idea di una giornata di otto ore è nata e si sentì in bocca agli operai tedeschi questa canzone: “Otto ore di lavoro, otto ore di svago, otto ore di sonno e otto segni con tutto questo”. canzoni di protesta che hanno trovato un’eco in tutto il mondo. Happisch conclude dicendo: “È solo in questo momento, né prima né dopo, che la nostra associazione avrebbe potuto nascere, sì, fu allora che dovette nascere, perché era il momento preciso in cui tutte le condizioni inerenti alla sua esistenza erano state soddisfatte “.

L’Appello fatto in vista della creazione
La chiamata dell’insegnante Georg Schmiedl per la creazione degli Amici della Natura ha riscosso un notevole successo nel momento in cui le esigenze culturali delle masse lavoratrici erano particolarmente sensibili. Un impulso irresistibile spinse Georg Schmiedl verso gli uomini e verso la natura. Nacque l’11 settembre 1855 e morì il 24 febbraio 1929. Il nostro compagno Happisch affermò che era un educatore nato e che aveva abbracciato la funzione dell’insegnamento per vocazione. Durante le escursioni domenicali che faceva spesso con il suo amico, il commerciante Katz, incontrava spesso escursionisti solitari e parlava a lungo con loro, sui temi più diversi. Fu allora che l’idea di raggruppare gli appassionati della natura maturò nella sua mente, al fine di cercare un rilassamento in comune, ma anche di aiutarsi a vicenda per perfezionare la propria cultura attraverso proficui scambi di idee. Il suo compagno Katz ha immediatamente condiviso il suo entusiasmo. Nella primavera del 1895, Schmiedl si mise al lavoro. Ha pubblicato, venerdì 22, sabato 23 e domenica 24 marzo, il seguente annuncio sul “Giornale del Lavoratore”:
Gli Amici della Natura sono invitati a partecipare alla fondazione di un gruppo turistico. Chi Vuol partecipare è pregato di inviare il proprio indirizzo all’ufficio del giornale. Come risultato di questo articolo, Schmiedl ottenne una trentina di lettere e cartoline. Una delle risposte era formulata come segue: “Vienna, 23 marzo 1895. Facendo riferimento all’avviso pubblicato sul “Giornale del Lavoratore” del 22 e 23 marzo, segnaliamo la nostra intenzione di partecipare al gruppo turistico in creazione e comunicare a tal fine il nostro indirizzo: Josef Rohrauer, studente di filosofia: Alois Rohrauer. operaio metallurgico; Karl Renner, studente di giurisprudenza; Vienna, VIII arrondissement. Stolzentalergasse 14 “.
Alois Rohrauer è stato per molti anni presidente della federazione austriaca Amici della Natura , quindi presidente del movimento internazionale. Suo figlio, Josef Rohrauer, è stato a lungo attivo negli Amici della Natura come guida e il dottor Karl Renner è diventato primo cancelliere della Prima Repubblica d’Austria, poi presidente della Seconda Repubblica. Ma al momento della fondazione del movimento, Karl Renner era ancora uno studente e un inquilino della famiglia Rohrauer.

tradotto dal “Memoriale per il 60° anniversario degli Amici della Natura”  a cura del comitato centrale dell’internazionale Amici della Natura – Zurigo – 1955

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.