Ekometa22: resoconto di viaggio

Lo scorso agosto ha avuto corso l’annuale viaggio autogestito del GIAN a Srebrenica a trovare gli amici di Prijatelji Prirode Oaza Mira (PPOM), l’associazione locale degli Amici della Natura fondata nel 2017 da Irvin Mujcic ed entrata a far parte del network europeo dei Naturfreunde nel 2019. Proprio da quell’anno…

Continua a leggere

Il Global Day 2021 degli Amici della Natura

Lo scorso settembre il GIAN (NF Italy) ha aderito al Global Day degli Amici della Natura, la giornata in cui tutti i livelli della nostra associazione celebrano la fondazione avvenuta più di 125 anni fa Vienna. In questa cornice sono state organizzate due attività con l’obiettivo di stimolare l’incontro e…

Continua a leggere

Udruzenje Prijatelji Prirode Oaza Mira

Il 2018 e’ stato per noi e per il nostro progetto Srebrenica – City of Hope, un anno di consolidamento e rafforzamento di vecchie collaborazioni. Ma, allo stesso tempo, ha visto nascere nuove collaborazioni, nuovi alleati, nuove sinergie che continuano a dare energia al nostro progetto con nuove attivita’ e…

Continua a leggere

La Casa Amici della Natura a Srebrenica

Thank you! Grazie! Hvala!! Cari amici e sostenitori, con un po di ritardo vogliamo esprimervi la nostra gratitudine per aver supportato il nostro progetto Srebrenica – CIttà della Speranza e la costruzione della Casa della Natura. Vi vogliamo informare che, grazie al vostro contributo, siamo riusciti a ristrutturare 1 piano…

Continua a leggere

il secondo viaggio in Bosnia del GIAN

  Lo scorso giugno il GIAN è tornato per il secondo anno consecutivo in Bosnia con il duplice obiettivo di fare il punto della situazione del progetto “Srebrenica city of Hope” e conoscere le bellezze naturali della Bosnia. Per chi di voi non lo sapesse ancora questo progetto mira a…

Continua a leggere

Com’è andata a Srebrenica?

Com’è andata a Srebrenica? Io non so cosa rispondere, però mi viene in mente Kokeza. Kokeza scrive: delle donne e degli uomini che sono tornati a Srebrenica. Scrive perché bisogna farlo e perché, anche attraverso le sue parole, la comunità può tornare a vivere. “Quel signore, per esempio, è serbo”…

Continua a leggere