Per una politica di asilo umano

Gli Amici della Natura chiedono una politica umana europea in materia di asilo invece di ulteriori campi profughi sul territorio dell’Unione europea.

Settembre 2020

La mancanza di una chiara politica europea in materia di asilo ha portato a una prassi disumana di rinchiudere i rifugiati nei campi nei paesi ai confini dell’Unione europea. In teoria, le persone dovrebbero aspettare lì la decisione sulla domanda di asilo che consentirebbe loro di entrare nell’Unione europea, ma potrebbero anche vedersi respinta la loro richiesta. Paesi come la Grecia o l’Italia sono estremamente sovraccarichi di questo compito. La conseguenza sono campi enormi e massicciamente sovraffollati con condizioni di salute inaccettabili e una mancanza di prospettiva per le persone che vi soggiornano. È noto da mesi che questi campi sono una sorta di bomba a orologeria – alcuni politici ne hanno persino preso intenzionalmente conto come misura deterrente contro potenziali rifugiati.

Uno di questi campi è Moria, sull’isola greca di Lesbo, che di recente ha ospitato oltre 12.500 rifugiati, un luogo che non era adatto per un soggiorno più lungo in quanto non offriva né condizioni di vita accettabili né prospettive per il futuro. Dopo il devastante incendio dell’8 settembre 2020 più di 12.500 persone tra cui bambini, donne incinte e persone con bisogni speciali hanno perso il loro rifugio. Persone che sono fuggite a causa di condizioni insicure o pericolose nei loro paesi e hanno dovuto lasciare le loro famiglie, amici e case. Le persone che hanno già perso tutto stanno ora subendo le conseguenze di una politica di asilo fallita dell’Unione europea e dei suoi Stati membri che contraddice i diritti umani e dei bambini.

Invece di criminalizzare le vittime dell’incendio, tutti gli Stati membri dell’UE devono essere consapevoli che il loro fallimento nel realizzare una procedura umana ed equa per trattare con i rifugiati è la ragione di questo triste sviluppo. Ora siamo arrivati ​​a un punto in cui non possiamo più chiudere gli occhi. È immediatamente necessaria un’azione concreta – per sostenere i rifugiati a Lesbo ma anche per prevenire catastrofi umanitarie ancora maggiori in futuro. È tempo di mostrare solidarietà alle persone in fuga da guerre, dittature e terribile povertà e di agire in conformità con il nostro impegno per un’Europa più unita e inclusiva.

Molte città europee e alcuni stati membri hanno già dichiarato di prendere in consegna alcuni degli abitanti di Moria ormai completamente indifesi. Altri hanno dichiarato di sostenere la Grecia nella ricostruzione di un nuovo campo. Entrambe le misure sono utili per superare i bisogni più urgenti ma non risolveranno la crisi dei rifugiati.

Naturefriends International e International Young Naturefriends esortano l’Unione Europea ei suoi stati membri a mettere in atto una nuova politica di asilo umano evitando ulteriori campi con condizioni di vita disumane e senza alcuna prospettiva per le persone ivi collocate.

Una nuova politica in materia di asilo dovrebbe includere almeno i seguenti pilastri:

  • Un approccio decentralizzato che accetta le offerte di diverse città e paesi che superano il cosiddetto regime di Dublino. Per motivare le città e i paesi a superare i costi dei rifugiati per il periodo di verifica della domanda di asilo dovrebbero essere coperti da un bilancio europeo per l’asilo. I comuni, le aziende e le ONG dovrebbero essere invitati a offrire progetti per l’assistenza ai rifugiati in questa fase di pre-asilo.
  • Condizioni di vita adeguate per tutti i rifugiati e offerte obbligatorie per corsi di lingua e altri corsi di formazione che migliorano le loro capacità e offrono loro nuove prospettive per la loro vita futura in un paese europeo o per un ritorno a casa nel caso in cui l’asilo non venga concesso.

Naturefriends International e International Young Naturefriends sostengono i rifugiati da molti anni. Con progetti concreti abbiamo promosso la loro integrazione nelle società europee e siamo pronti a continuare su questa strada.

Naturefriends International (NFI) is the international umbrella organisation of the Naturefriends movement, uniting over 45 member organisations and approximately 350,000 members. The focus of NFI’s work is on creating and implementing sustainable development of the environment and society. NFI is member of the “Green 10”, a coalition of ten leading environmental NGOs active at the EU level.  www.nf-int.org 

Contact:
Cornelia Kühhas
Naturefriends International, press & public relations
phone: +43 (0)1 89 23 877-41, email: cornelia.kuehhas@nf-int.org

 

no one is free when some are oppressed

 

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.