Le responsabilità delle imprese in Europa

Bruxelles – Oltre mezzo milione di persone in tutto il mondo hanno chiesto una forte legge dell’UE per ritenere le aziende responsabili del loro impatto sui diritti umani, inclusi i diritti sindacali e dei lavoratori e l’ambiente.

Queste richieste sono state avanzate nell’ambito della consultazione pubblica avviata dalla Commissione europea per ottenere il contributo di cittadini e organizzazioni sulla nuova legislazione dell’UE sulla responsabilità delle imprese che dovrebbe essere pubblicata nel giugno 2021.

Anche circa 700 gruppi della società civile, sindacati e istituzioni accademiche di tutto il mondo hanno fornito le loro opinioni. Ciò significa che i cittadini e le organizzazioni che lavorano direttamente sui diritti umani, inclusi i diritti sindacali e dei lavoratori, e le questioni ambientali stanno alzando la loro voce insieme.

Gli intervistati chiedono una nuova e forte legislazione dell’UE che imponga a tutte le aziende di identificare, prevenire e affrontare i propri rischi e impatti sui diritti umani e ambientali lungo l’intera catena di produzione. Le aziende devono essere ritenute responsabili di pratiche dannose nei loro paesi d’origine e all’estero e devono affrontare forti sanzioni se infrangono le regole.

I lavoratori, i sindacati e le comunità locali, indigene ed emarginate devono essere attori primari e fonte di input per i diritti umani e la due diligence ambientale. Deve esserci un impegno obbligatorio e significativo con le parti interessate che sono coinvolte dalle attività delle aziende, compreso un impegno mirato per accedere a sindacati, lavoratori e comunità che possono incontrare ostacoli alla partecipazione ad altri processi.

Tutte le osservazioni richiedono che le vittime di abusi aziendali debbano essere in grado di chiedere giustizia e chiedere alle aziende di rendere conto attraverso l’accesso ai tribunali dell’UE e alle cause civili.

Le proposte sono state raccolte da due campagne separate, una guidata da Global Witness, Anti-Slavery International e Clean Clothes Campaign, in collaborazione con Avaaz, e l’altra guidata da Friends of the Earth Europe, la Confederazione europea dei sindacati (ETUC), la European Coalition for Corporate Justice (ECCJ), Austrian Chamber of Labour (AK) e Austrian Trade Union Federation (ÖGB), in collaborazione con WeMoveEurope e SumOfUs e sostenute da oltre 150 gruppi della società civile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.