L’Amazzonia è in vendita!

fonte APIB

Il presidente Bolsonaro ha inviato al Congresso brasiliano un disegno di legge che autorizza l’apertura delle terre indigene alle miniere industriali e su piccola scala, alle centrali idroelettriche e persino all’estrazione di petrolio e gas naturale. E va ancora peggio: la proposta ritira il diritto delle popolazioni indigene a decidere se vogliono o meno queste attività nei propri territori. Oltre ad essere la casa delle popolazioni tradizionali, le terre indigene hanno un ruolo essenziale nella sopravvivenza fisica e culturale delle popolazioni indigene e nella protezione delle foreste.

Se approvato, il disegno di legge intensifica notevolmente le minacce alla conservazione dell’ambiente e della biodiversità e mette anche a rischio lo sforzo globale per combattere l’emergenza climatica. È nelle mani del Congresso fermare questa proposta di devastazione!

REJECTION MOTION AGAINST BOLSONARO GOVERNMENT PROJECT TO REGULATE MINING, ENERGY VENTURES AND AGRIBUSINESS IN INDIGENOUS LANDS

Circa 50 leader indigeni dei popoli Guarani, Guarani Mbya, Ava Guarani, Kaingang e Xokleng hanno marciato a Brasilia la mattina di mercoledì 12 contro la legge 191/2020 del governo Bolsonaro che consente l’apertura di terre indigene per l’industriale e su piccola scala miniere, dighe idroelettriche, industria agroalimentare ed estrazione di petrolio e gas naturale. I leader indigeni hanno chiesto al presidente della Camera dei deputati Rodrigo Maia di far ritirare il disegno di legge al ramo esecutivo. L’anno scorso, ancora una volta, Maia ha promesso pubblicamente ai popoli indigeni di bloccare l’elaborazione di qualsiasi legge di questo tipo. I popoli indigeni di Paraná, Santa Catarina e Rio Grande do Sul dovranno presentare un documento alla Camera dei deputati per esprimere la loro posizione sul disegno di legge 191/2020 e chiedere a Maia di adempiere al suo impegno dal 2019. La coalizione dei popoli indigeni del Brasile (APIB), in una dichiarazione pubblica, ha definito la proposta del governo Bolsonaro come un “progetto di morte” che cerca di autorizzare “un’invasione delle terre dei popoli indigeni”. Oltre al ripudio del disegno di legge del governo di Bolsonaro, i popoli Guarani, Guarani Mbya, Ava Guarani, Kaingang e Xokleng chiedono anche la delimitazione delle loro terre native ed esprimono la loro opposizione all’incostituzionale “teoria dei tempi”, un’interpretazione legale che cerca di reinterpretare la Costituzione federale al fine di limitare il loro diritto alla terra.

fotogarfie di @MidiaNINJA https://midianinja.org/

La presentazione del disegno di legge 191/2020 alla Camera dei deputati da parte del governo di Bolsonaro arriva in un contesto di continui attacchi ai diritti delle popolazioni indigene, anche in relazione alla National Indian Foundation (FUNAI). L’organismo ufficiale per le questioni indigene ha rinunciato ai processi legali relativi alla delimitazione delle terre indigene, rivendicando “disinteresse”, e recentemente ha negato la distribuzione di forniture di base alle comunità indigene che occupano aree non delimitate. Anche i processi di demarcazione del territorio in fase avanzata sono stati restituiti al FUNAI dal Ministero della Giustizia, impedendone il progresso.

La nomina di un ex membro del gruppo evangelico fondamentalista New Tribes Mission del Brasile ad assumere il coordinamento generale dei popoli indigeni isolati e contattati di recente (CGIIRC), una delle aree più sensibili del FUNAI, ha generato anche critiche da parte di funzionari pubblici, indigeni organi per i diritti umani e un’azione giudiziaria da parte del Servizio giudiziario federale (MPF)

 

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.