Il primo grande raduno indigeno dell’anno

 

L’incontro del Mebengokrê riunirà 450 leader, guerrieri e rappresentanti di 47 popoli indigeni del Brasile. Saremo insieme dal 14 al 17 gennaio nel villaggio di Piaraçu, sulle rive del fiume Xingu nel Mato Grosso.
I tavoli saranno presieduti da Cacique Raoni. All’età di 89 anni, è nominato per il premio Nobel per la pace come protagonista nella difesa della foresta e nei valori culturali indigeni. Negli ultimi 12 mesi, il mondo ha seguito la crescente ondata di minacce per i popoli brasiliani tradizionali. In questa occasione, le popolazioni indigene di diverse generazioni intendono elaborare un piano d’azione comune per affrontare il problema.

 

Aggiornamento del 16/1

Ci sono già oltre 500 leader indigeni provenienti da tutto il Brasile che partecipano all’incontro Mebemgokrê, che secondo il popolo di Xingú, è il più grande incontro nella regione dal periodo costituente.

Oggi la leader Sonia Guajajara si è unita ad altri leader per discutere di questioni come il leasing di terre indigene, Ferrogrão e altre mega-imprese che colpiscono i loro territori, l’outsourcing e la municipalizzazione della salute degli indigeni, il tragico smantellamento delle politiche indigene, i crescenti pericoli per le popolazioni che vivono in isolamento volontario, il divieto di servizi pubblici agli indigeni che vivono in terre non omologate, tra gli altri.

I presenti hanno discusso della resistenza e della mobilitazione tra le strategie dei popoli, gli incontri e il loro programma di lotta, il ruolo dei giovani e delle donne e l’organizzazione del movimento indigeno nel paese.

Sulle rive del fiume Xingu, donne indigene si sono radunate mercoledì pomeriggio durante l’incontro Mebengokrê. Per il 2020, hanno in programma di condurre una caravan attraverso i territori indigeni dove parleranno e collegheranno le donne di tutte le regioni del paese e inoltre articoleranno incontri e attività di formazione rivolte alle donne indigene.

Anche Ângela Mendes partecipa all’incontro e sta discutendo della ripresa dell’Alleanza dei popoli della foresta, avviata da suo padre Chico Mendes negli anni ’80, quando indigeni, fluviali, raccoglitori di gomma e altre persone che vivono nella foresta si sono riunite per difendere il loro territori e garantire la conservazione dell’Amazzonia

 

 

New York Times – Le tribù dell’Amazzonia si radunano e pianificano la resistenza contro il governo brasiliano

Reuters – Le tribù brasiliane e i raccoglitori di gomma uniti contro Bolsonaro

 

fotogarfie di @MidiaNINJA https://midianinja.org/

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.