lingua italiana lingua inglese lingua francese lingua tedesca

Premio Nobel alternativo a Yacouba Sawadogo

Pubblicato

Premio Nobel alternativo a Yacouba Sawadogo

Yacouba, il contadino che ha fermato il deserto vince il Nobel alternativo. 

Yacouba Sawadogo, un nome praticamente sconosciuto. Per i suoi meriti questo contadino ha conquistato il cosiddetto “Premio Nobel alternativo”. Non ha scoperto nuove proteine né ha insegnato in prestigiose università dove ha condotto ricerche. Ma sta dedicando la sua vita a fermare il deserto, piantando alberi là dove prima c’era solo terra arida. Per questo gli è stato assegnato il prestigioso riconoscimento. L’annuncio è arrivato alla vigilia della consegna dei più noti Premi Nobel. Ad assegnare il Right Livelihood Award 2018, il Nobel Alternativo, è la Fondazione Right Livelihood Award che con questo riconoscimento sostiene le persone coraggiose e le organizzazioni che offrono soluzioni visionarie ed esemplari per risolvere problemi globali.

Yacouba, l’uomo che ha fermato il deserto

A partire dal 1980 durante una fase di grave siccità, Sawadogo ha dato vita tra Burkina Faso e Niger a oltre 40 ettari di foreste su terre precedentemente sterili e abbandonate. Oggi prosperano oltre 60 specie di alberi e cespugli. Si tratta senza dubbio di una delle più diversificate foreste piantate e gestite da un contadino nel Sahel.

Un miracolo tecnologico? Tutt’altro. Sawadogo infatti ha attinto ai saperi della tradizione, tra cui la sperimentazione di pozzi per la conservazione del suolo, dell’acqua e della biomassa chiamati “zaï” nella lingua locale. Il contadino ha continuato a innovare la tecnica nel corso degli anni, aumentando i raccolti e piantando alberi con successo.

yacouba contadino

Gli zaï aiutano a conservare l’acqua piovana e a migliorare la fertilità del suolo. Ciò consente agli agricoltori di produrre raccolti anche in anni di siccità. Alberi piantati insieme alle colture servono ad arricchire il terreno, produrre foraggi per il bestiame e creare opportunità commerciali come l’apicoltura. Soluzioni che aiutano gli agricoltori ad adattarsi ai cambiamenti climatici, a ridurre la povertà rurale e a prevenire conflitti locali per le risorse idriche.

All’inizio l’uomo ha dovuto scontrarsi con la resistenza di popolazioni locali, che hanno addirittura incendiato alcune foreste ma non ha mai pensato di mollare. Nel corso del tempo, il suo lavoro è stato sempre più ammirato e Sawadogo è sempre stato desideroso di condividere le proprie conoscenze organizzando corsi di formazione per aiutare i contadini a rigenerare le loro terre. Di conseguenza, decine di migliaia di ettari di terreno gravemente degradato sono stati riportati alla produttività in Burkina Faso e Niger.

Trova l’articolo originale cliccando qua.

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.