lingua italiana lingua inglese lingua francese lingua tedesca

Iniziativa congiunta dei Naturfreunde per la COP21 di Parigi

Pubblicato

Cari amici,

La 21 Conferenza Mondiale sui Cambiamenti Climatici si terrá a Parigi dal 30 novembre al 11 dicembre.  Questa conferenza avrà un’importanza molto rilevante dal momento che, dopo il protocollo di Kyoto, un altro  accordo internazionale sulla protezione climatica dovrà essere raggiunto.

C’è un bisogno impellente per  un accordo del genere. il report del 2014 del gruppo di esperti intergovernativi sui cambiamenti climatici  mette in serio dubbio che gli attuali sforzi per raggiungere l’obiettivo dei “2 gradi“  (ovvero contenere il riscaldamento globale entro la soglia dei 2 gradi) siano sufficienti.

Il 29 novembre e il 12 dicembre avranno luogo a Parigi le maggiori manifestazioni pubbliche   a cui gli Amici della Natura dovrebbero partecipare. Durante la riunione del Consiglio INF del 19 agosto abbiamo deciso in merito alle seguenti misure per preparare una campagna sulla Conferenza del Clima e vorremmo chiedere il vostro supporto e la vostra partecipazione.

  1. Cinque richieste per una giusta ed effettiva protezione del clima, firmata e sostenuta dai Presidenti di tutte le organizzazioni NF
  2. Preparazione di un Fondo Internazionale per il Clima di INF come convenuto dal congresso di Olomuc.
  3. Pubblicazione delle 5 richieste e un breve articolo sulle riviste per i nostri soci insieme a informazioni sul Fondo per il Clima e un’invito a  unire dimostrazioni ed eventi sulla Conferenza per il Clima
  4. Organizzazione di un seminario internazionale “Cambiamenti climatici e giustizia climatica come argomenti sociali” con rappresentanti NF di Vienna (condizionatamente al fatto  che venga trovato uno sponsor)
  5. Partecipazione attiva nelle manifestazioni sulla conferenza climatica in programma a Parigi (almeno per quanto riguarda le federazioni geograficamente più vicine alla Francia come Belgio, Olanda,  Svizzera e Germania)

 

L’idea del comitato direttivo è che la nostra forza risiede nel mobilitare le persone attraverso le riviste per soci e gruppi locali. Se riuscissimo a far aumentare la consapevolezza della necessità di proteggere il clima tra i nostri 500.000 soci e motivarli ad essere attivi (facendo donazioni al nostro Fondo per il Clima o aggiungersi ai progetti NF in Africa) raggiungeremmo uno dei massimi risultati a cui INF può contribuire.

Per evitare di essere dispersivi le richieste devono essere semplici e concise; il suggerimento del Consiglio Direttivo è

  1. La  protezione del clima bisogno di essere potenziata immediatamente:  se non interverranno massicci investimenti nella protezione del clima  nei prossimi 5 anni, l’obiettivo di contenimento del riscaldamento entro i 2 gradi non sarà raggiunto e le conseguenze in molte parti del mondo saranno disastrose.  Entro il 2050, le emissioni globali di diossido di carbonio devono essere ridotte a zero.
  2. La  protezione del clima deve essere giusta:  chi emette più diossido di carbonio deve  contribuire maggiormente alla protezione del clima  indipendentemente dal fatto che siano paesi industrializzati o emergenti.  nessun settore economico può essere escluso aria, strada e traffico navale, i principali responsabili devono assumersi le loro responsabilità.
  3. Misure per la protezione del clima devono essere finanziate in un modo socialmente accettabile
  4. Le  conseguenze dei cambiamenti climatici devono essere combattute:  paesi e popoli che sono stati esposti allo stress climatico per decenni senza emettere considerevoli quote di diossido di carbonio hanno bisogno di ricevere il massimo supporto per alleviare le conseguenze preferibilmente da un Fondo Internazionale per il clima al quale tutti i paesi dovrebbero contribuire sulla base delle proprie emissioni.  Aiuti allo sviluppo, che servono soltanto agli interessi economici nazionali, non sono più adatto.
  5. La protezione del clima è inoltre un’opportunità:  abbiamo bisogno di più innovazione e più ricerca per poter creare un sistema di trasporto a bassa emissione, edifici  energeticamente autosufficienti o energia sostenibile da risorse rinnovabili.

Ci farebbe molto piacere se i presidenti di ogni organizzazione membro su portassero questa attività, fateci  avere conferma entro il 30 settembre.  il valore della campagna Enel unire l’azione di tutti i soci.  suggerimenti per migliorare le richieste sono molto graditi

 

Distinti saluti e BERG FREI!!!

 

Il Presidente dell’Internazionale Naturfreunde (Amici della Natura)

Manfred Pils

Leave a Reply