Climate Action Call

Carissimi Amici della Natura

Il GIAN ha deciso nell’ultima riunione nazionale di aderire alla campagna “Climate Action Call” di Can Europe che si prefigge l’obiettivo di spingere la prossima classe politica europea  a considerare prioritarie nel programma politico europeo le misure per contrastare i cambiamenti climatici. Questa campagna durerà fino a novembre e in occasione dei principali eventi in agenda (elezioni del 26 maggio, formazione dei nuovi gruppi parlamentari, nomina della presidenza della Commissione europea e “Agenda strategica per l’UE”, inizio della nuova legislatura del Parlamento europeo, votazione sul presidente della Commissione, selezione, nomina e audizioni dei commissari, inizio della legislatura per la nuova Commissione europea) farà sentire la voce di tutta la rete aderente (150 organizzazioni  membro in 35 paesi, 1700 organizzazioni non governative per circa 40 milioni di cittadini)

i punti salienti su cui si chiede attenzione sono:

1 Impegnarsi a ridurre le emissioni allo zero netto prima del 2050.
Non dobbiamo emettere più di quanto possa essere assorbito dalla natura. Dobbiamo smettere di inquinare e iniziare a ripulire. Mentre imprese, città e cittadini stanno già costruendo l’economia a emissioni zero, abbiamo bisogno che i responsabili delle decisioni prendano l’iniziativa.

2. Impegnarsi a far decollare l’attuale obiettivo per il clima 2030 entro il 2020.
Gli obiettivi esistenti non sono abbastanza vicini da impedire conseguenze gravi e irreversibili dei cambiamenti climatici. Abbiamo bisogno di un obiettivo climatico 2030 sostanzialmente aumentato per garantire che l’Europa adempia agli impegni assunti nell’ambito dell’accordo di Parigi.

3. Eliminare gradualmente il consumo di tutti i combustibili fossili e creare un sistema di energia pienamente efficiente e rinnovabile.
Il nostro futuro economico non dovrebbe più dipendere dai combustibili fossili. In effetti, le alternative sono diventate più economiche e sono più vantaggiose per tutti. I responsabili delle decisioni dell’UE devono garantire il termine della combustione di carbone, gas e petrolio il più rapidamente possibile. Ciò includerà una graduale eliminazione di tutto il sostegno pubblico ai combustibili fossili e alle infrastrutture, aumentando allo stesso tempo il sostegno alla ricerca, all’innovazione e alla diffusione di alternative reali.

4. Garantire che la transizione per le emissioni zero sia giusta, ordinata e vi siano vantaggi per i membri più poveri della società
integrando misure sociali forti e salvaguardando i diritti umani.
L’azione per il clima e la giustizia sociale sono due facce della stessa medaglia: i cambiamenti climatici colpiscono prima i più vulnerabili e le soluzioni alla crisi climatica sono piene di opportunità sociali ed economiche. In particolare, i più poveri sono e saranno i più colpiti dai cambiamenti climatici. L’Europa deve aumentare sostanzialmente il suo sostegno finanziario, o di altro tipo, per l’azione per il clima e la resilienza nei paesi poveri.

5. Riconoscere la protezione della biodiversità come componente cruciale dell’azione per il clima.
i responsabili delle decisioni politiche devono capire che la transizione a zero emissioni non può avvenire senza investimenti sostanziali nel ripristino dei nostri ecosistemi. Ciò deve includere sforzi per proteggere e migliorare la capacità delle foreste e del suolo di assorbire l’inquinamento del carbonio passato e presente, promuovendo al contempo pratiche sostenibili, sia a livello nazionale che all’estero.

Il tempo sta finendo. L’urgenza sta diventando un’emergenza. I cittadini si stanno mobilitando in tutti i modi possibili per chiedere più azione per il clima. Ora, più che mai, abbiamo bisogno che i governi governino e stabiliscano le regole, gli obiettivi, le politiche e le misure necessarie per proteggere i cittadini in Europa e altrove dai cambiamenti climatici e raccogliere i frutti della transizione.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.